Errore
  • Errore nel caricamento dei dati del feed

Licenziamenti Individuali e tentativo di concilazione presso la DTL

Una delle novità più rilevanti introdotte dalla Riforma Fornero è stata l’introduzione del tentativo obbligatorio di conciliazione in caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo da parte di imprese soggette all’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori che prevede, nei casi più gravi di illegittimità del recesso, il reintegro del lavoratore nelle sue mansioni dal giorno della cessazione a quello della sentenza con diritto agli stipendi arretrati e alla ricostituzione della posizione previdenziale e assistenziale.

Leggi tutto: Licenziamenti Individuali e tentativo di concilazione presso la DTL

Modifiche apportate dal D.L. n. 145, art. 14

L’art. 14 del D.L. n. 145/2013 torna sul tema sempre attuale del contrasto al lavoro nero e della tutela della salute e sicurezza nei posti di lavoro, introducendo un inasprimento delle sanzioni con il doppio scopo di ulteriore deterrente per i datori di lavoro e potenziamento dell’attività di vigilanza attraverso la destinazione dei maggiori introiti al finanziamento delle missioni degli ispettori delle DTL.

Leggi tutto: Modifiche apportate dal D.L. n. 145, art. 14

Come cambiano le dimissioni e le risoluzioni consensuali alla luce della Riforma Fornero

La riforma Fornero introduce un obbligo di convalida in caso di dimissioni e risoluzione consensuale dei rapporti di lavoro.

L’intento è quello, sacrosanto, di arginare il fenomeno delle cosiddette “dimissioni in bianco”, ovvero lettere di dimissioni senza data che alcuni datori di lavoro fanno firmare ai lavoratori prima dell’inizio del rapporto, per poter recedere in qualunque momento senza rischio di contestazioni.

Leggi tutto: Come cambiano le dimissioni e le risoluzioni consensuali alla luce della Riforma Fornero

Riforma Fornero: I rapporti di controllo

Il lavoro accessorio

La Riforma Fornero apporta alcune modifiche alla possibilità di accedere al lavoro cosiddetto accessorio o a voucher; nel caso specifico attua una semplificazione all’uso dello strumento, ridefinendo i limiti all’utilizzo di questo istituto sulla base del solo criterio dei compensi, eliminando il riferimento a specifici settori di attività.

Leggi tutto: Riforma Fornero: I rapporti di controllo

La Riforma del Mercato del Lavoro (III Parte)

11) congedo obbligatorio per paternità

Nei primi cinque mesi di vita del bambino il padre ha l’obbligo di astenersi dal lavoro per un giorno retribuito dal datore di lavoro e la facoltà di astenersi dal lavoro per altri due giorni retribuiti dall’Inps previo accordo con la madre e in sua sostituzione.

Leggi tutto: La Riforma del Mercato del Lavoro (III Parte)